Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10

Discussione: Il coast to coast: da Windows a Linux

  1. #1
    Guest

    Predefinito Il coast to coast: da Windows a Linux

    Ciao a tutti.
    Siccome ci sono già milioni di topic che ne parlano, ho pensato di scrivere questa sorta di vademecum per coloro che si affacciano per la prima volta al mondo del pinguino.
    Qui NON parlerò delle varie distribuzioni, se siete interessati a ciò potete andarvi a leggere il topic di radioradianti in questa stessa sezione.

    Allora, come premessa vediamo la domanda che tutti coloro che vogliono fare il "salto" si chiedono: è meglio Windows o Linux?
    La risposta è: nessuno dei due.
    O meglio, sono due cose estremamente diverse. Usando Windows, vi sarete sicuramente resi conto del fatto che è molto semplice e intuitivo: quasi da ebeti.
    Inserite due informazioni minime e cliccate duecento volte su "Avanti" fino a che non avete installato quanto vi serve. Questo è l'esempio che mi pare più calzante.
    Bene, non aspettatevi ciò da linux. Linux non è un sistema "baby-sitter" come Windows: per fare le cose vi occorrerà lavorarci un po' sopra. Ma questo è il bello del pinguino. Inoltre, l'impostazione di Linux fa si che sia infinitamente più sicuro di Windows.
    L'installazione dei programmi, ad esempio, può risultare ostica ai primi tentativi, ma con un minimo di applicazione e soprattutto voglia di fare, che per usare un sistema GNU/Linux è essenziale, riuscirete ad installare tutto ciò che vorrete: sia che si tratti di installare qualcosa usando tool appositi (è il caso del mitico apt delle distribuzioni basate su Debian) - facilino - oppure compilando sorgenti (con i classici configure-make-make install).
    In ogni caso, una cosa è certa: se sarete perseveranti, niente vi soddisferà come usare un sistema Linux.
    Se siete dei programmatori o aspiranti tali, Linux rappresenta per voi l'ideale, in quanto al suo interno sono già presenti compilatori/interpreti di tutti i maggiori linguaggi.
    Potreste anche aver deciso di provare linux per motivi filosofici (quelli che lo fanno sono pochini purtroppo), e allora non vi servono altri preamboli.
    Ma se avete deciso di tuffarvi insieme a Tux (il pinguino x chi non lo sapesse ), allora mi sento di riassumervi alcuni indubbi vantaggi dell'utilizzo di un sistema Linux:
    - la sicurezza: nessun sistema è sicuro quanto Linux o un altro Unix-based. Navigare in internet da Linux vi eviterà un sacco di fastidi che invece Windows non vi risparmia, anzi forse ve li accentua.
    - il lato server: ormai è risaputo: nessun server batte quelli Linux: se volete usare il pinguino come server, allora siete davvero a cavallo.
    - il fattore economico: che non è da sottovalutare soprattutto in ambito aziendale. Linux è gratuito. Non dovrete più spendere le cifre classiche di Windows. Sistema operativo: 0€. Suite office (es. OpenOffice): 0€. Editing video (es. kino): 0€. Player Audio, Firewall, Antivirus, Fotoritocco, .... : 0€ .
    Gli unici eventuali soldi che spenderete saranno quelli per alcune distribuzioni che offrono a pagamento delle features aggiuntive. Per il resto i vostri biglietti resteranno al calduccio nelle vostre tasche.

    Dopo questo lungo preambolo, veniamo alla pratica: COME MIGRARE DA WINDOWS A LINUX.
    Tanto per cominciare, immagino vi vogliate rendere conto esattamente di cosa si tratti in realtà di questo famigerato Linux.
    Quindi, niente è potrebbe essere meglio di una bella distribuzione live che vi da la possibilità di provare il pinguinello senza dover andare a toccare l'hard disk.
    Potete procurarvi una delle varie distribuzioni live (personalmente non esco dal gregge e vi consiglio Knoppix) scaricandole dai vari mirror che trovate nei siti delle stesse distribuzioni.
    Quando avete scaricato l'immagine della distribuzione (un file .iso di grandi dimensioni) dovete masterizzare un cd con l'immagine "bruciata" della distribuzione. Per fare ciò aprite il vostro programma di masterizzazione (nel mio caso DeepBurner) e selezionate "Scrivi disco da immagine iso" o un comando simile. Dopo aver scritto il disco, riavviate il computer e impostate il vostro BIOS affinchè come primo settore di boot abbia il lettore cd.
    Inserite il disco della distribuzione nel lettore cd e aspettate che venga letto.
    Se tutto è ok dovrebbero apparire schermate che mostrano l'avvio corretto della distribuzione. Dopo aver tentato di riconoscere le varie periferiche del vostro computer, partirà il sistema vero e proprio.
    Se state usando la distribuzione Knoppix, allora sarà piuttosto semplice "gironzolare" e scoprire com'è fatta: come usare i vari programmi ecc.. .
    In ogni caso è bene che vi leggiate uno dei vari documenti online sui comandi basilari di una shell (terminale che in windows si chiama "prompt dei comandi") linux o di come è organizzato il disco.

    Se la prova con la distro live vi è piaciuta, allora potrebbe essere giunto il momento di installare sul vostro computer una distro linux. Quasi tutte le distribuzioni live possono anche essere installate sul disco rigido, ma io ve lo sconsiglio.
    Se siete totali neofiti o comunque non ancora esperti di linux, potrebbe fare al caso vostro una distribuzione semplice da usare ed user-friendly che non vi faccia pesare eccessivamente il "salto" da Windows. Penso che la migliore in questo caso sia Mandrake (o Mandriva) . Scaricate la/le immagine/i da internet come avete fatto per la live e bruciatene le immagini.
    Fatto ciò impostate il bios come prima e inserite il primo cd. Partirà il programma di installazione che (nel caso delle distro come Mandrake, Fedora, SuSE e da adesso anche Debian) sarà visuale e relativamente semplice da portare a termine.
    Se avete deciso per un dual boot Windows/Linux (è la cosa migliore per i neofiti) allora ricordatevi che all'avvio del computer dovrete scegliere se far partire il sistema Linux o Windows.
    Tornando al processo di installazione, mi soffermerò sul punto in cui tutti si incagliano la prima volta: il losco partizionamento. Questo tetro individuo, che in Windows non era neanche contemplato, non è altro che la suddivisione del vostro disco in tante parti più piccole in cui mettere sistemi operativi o semplicemente archiviare files.
    In una stessa partizione non possono stare due o più sistemi operativi, e per questo Linux ha bisogno di almeno una partizione tutta sua più un'altra partizione per il cosiddetto swap (non ne parlerò qui, ma sappiate che è necessario).
    I tool grafici di partizionamento delle distribuzioni ormai sono molto semplici da utilizzare e intuitivi anche per i meno "dotti".
    Per prima cosa quando parte il programma di partizionamento dovrete rimpicciolire la partizione Windows, che normalmente occupa tutto il disco, usando il tool della distribuzione (prima di fare ciò vi consiglio caldamente un backup dei vostri dati).
    Poi generalmente dovrete fare questo:
    - creare nello spazio non partizionato una nuova partizione di root (' / ') abbastanza cicciosa (scegliete voi quanti GB, ma 5 potrebbero essere ottimi) di tipo "ext3" o "reiserfs"
    - creare nello spazio non partizionato una nuova partizione per lo swap (settate il tipo come Linux swap)
    - creare nello spazio non partizionato una nuova partizione home (' /home ') bella grassa in cui si conserveranno tutti i files degli utenti che accederanno a Linux
    Sicuramente non è una guida esauriente su come partizionare, ma è un buon inizio da cui partire.

    Una volta finito di partizionare probabilmente dovrete scegliere quali pacchetti (programmi o librerie) installare. Fatto ciò proseguite nell'installazione fino al compimento dell'opera e ricordate di installare il boot loader (LiLO o GRUB) nel vostro MBR (Master Boot Record): questo non è altro che il programma che partirà all'avvio del sistema e vi farà scegliere quale sistema fare partire.
    Se l'installazione arriverà alla fine senza che il computer inizi ad emettere un sospetto odore di carne bruciata, allora state allegri: avete installato il vostro sistema GNU/Linux !

    Non credo ci sia altro da dire, se non questo: non smettete mai di smanettare: provate il vostro sistema Linux, usatelo, leggete documentazione e tornate a smanettare sulla vostra shell...cosa c'è di più bello al mondo?

    silvergun

  2. #2
    Guest

    Predefinito

    Complimenti.........ottimo post!!!!

    Oltre che ottimo anche perfetto per chi
    si appresta a vedere la luce!!!!

    Ancora complimenti........

    Byezzzzzzzzz

  3. #3
    L'avatar di radioradianti
    radioradianti non è connesso Utente storico
    Data registrazione
    26-11-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,000

    Predefinito

    Come ha detto N3m0X, è un ottimo post.

    Metto in evidenza.

    Ciao

    Leandro

    Happy Slack!

    E' on line il numero 12 di Topolinux - Totalmente rinnovato!
    TopoLinux è anche chat! irc.azzurra.org canale #topolinux
    La semplicità di questo dono è inversamente proporzionale alla qualità della nostra amicizia

  4. #4
    Guest

    Predefinito

    Utile per chi vuole provare linux per la prima volta.

    Ciao a tutti.

    PS. Anch'io mi sto scaricando i tre cd di linux e, dopo aver partizionato l'hard disk, lo provo.

  5. #5
    Guest

    Predefinito perche' non fare un sito?

    ottimo articolo, quindi volevo chiederti se tu non vorresti collaborare per realizzare un sito per coloro che vogliono avvicinarsi al mondo del pinguino?
    o se in alternativa posso utilizzare le tue parole per il mio sito?

    saluti
    simone


  6. #6
    Guest

    Predefinito

    Ciao, al momento non sono interessato in quanto impegnato in altri progetti, ma grazie della proposta

    Ho fatto un reply qui e non in pvt perchè penso che possa essere utile a tutti: se volete utilizzare questo articolo o spezzoni dello stesso nelle vostre pagine eccetera, potete farlo tranquillamente ma lasciando un riferimento CHIARO a me (Federico Ruggi) nella stessa pagina dell'articolo. Magari se anche mi avvertiste di quello ke avete fatto ve ne sarei grato
    Questo perchè vorrei che il mio piccolo lavoro non fosse sfruttato o copio-pastato da terzi

    Ciao belli

  7. #7
    Guest

    Predefinito

    bel tutorial solo alcuni piccoli appunti...

    Lo swap dovrebbe essere di dimensioni pari a quelle della RAM del computer fino ad un massimo consigliato di 512MB con computer con più memoria non è di solito necessario. :-)

  8. #8
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da silvergun Visualizza messaggio
    Allora, come premessa vediamo la domanda che tutti coloro che vogliono fare il "salto" si chiedono: è meglio Windows o Linux?
    La risposta è: nessuno dei due.
    O meglio, sono due cose estremamente diverse.
    Windows e Linux sono due sistemi operativi in aperta competizione: cercano di rosicchiarsi a vicenda quote di mercato, specie in ambito server, e non cerchiamo di rifilare a "coloro che si affacciano per la prima volta al mondo del pinguino" che Linux sia superiore e che non ambisca minimamente a competere con Windows, perché se tutti i server del mondo montassero Windows Linux non esisterebbe :)
    confrontare Windows e Linux e scegliere quale sia il migliore in assoluto per i propri scopi ha perfettamente senso, posto che (almeno la maggior parte delle volte) i propri scopi possono essere raggiunti con entrambi.


    Usando Windows, vi sarete sicuramente resi conto del fatto che è molto semplice e intuitivo: quasi da ebeti.
    solo finché non lo conosci bene, ed è allora che scopri certe meravigliose funzionalità difficilmente accessibili se non del tutto inaccessibili. per il resto che sia così facile da usare è solo un bene.


    Bene, non aspettatevi ciò da linux. Linux non è un sistema "baby-sitter" come Windows: per fare le cose vi occorrerà lavorarci un po' sopra. Ma questo è il bello del pinguino.
    come dire che Linux è un sistema per le persone il cui tempo non vale nulla; guarda che in questo modo "coloro che si affacciano per la prima volta al mondo del pinguino" li fai scappare definitivamente :)
    se fosse realmente questa la filosofia di chi mantiene le varie distro non vi avrebbero introdotto nemmeno X11.


    In ogni caso, una cosa è certa: se sarete perseveranti, niente vi soddisferà come usare un sistema Linux.
    come dire che Linux non promette nulla. io perseverante lo sono stato molto, e dopo aver programmato su entrambi alla fine preferisco Windows.


    Se siete dei programmatori o aspiranti tali, Linux rappresenta per voi l'ideale,
    niente di più falso (vedi sopra). sarebbe meglio non fare certe affermazioni così assolute, perché diffondono solo un sacco di luoghi comuni.


    in quanto al suo interno sono già presenti compilatori/interpreti di tutti i maggiori linguaggi.
    se ci sono non sono quelli ufficiali (per esempio il JDK originale va scaricato dal sito della Sun) e quindi è sconsigliato usarli. fanno eccezione i compilatori C e C++, ma si avvisa che quelli della GNU Compiler Collection (GCC) sono famosi per essere piuttosto lenti.


    Potreste anche aver deciso di provare linux per motivi filosofici (quelli che lo fanno sono pochini purtroppo), e allora non vi servono altri preamboli.
    sarebbe meglio non parlare di tali motivi quando non li conoscono: una corretta filosofia si basa sulla sana concorrenza, ma il post che sto quotando mostra delle preferenze nette e "religiose" per uno specifico concorrente.


    allora mi sento di riassumervi alcuni indubbi vantaggi dell'utilizzo di un sistema Linux:
    - la sicurezza: nessun sistema è sicuro quanto Linux o un altro Unix-based.
    il sistema di sicurezza dei sistemi Windows basati su NT è sempre stato più evoluto di quello degli Unix, fin da quando è nato.


    Navigare in internet da Linux vi eviterà un sacco di fastidi che invece Windows non vi risparmia, anzi forse ve li accentua.
    parliamone, di questi fastidi.


    - il lato server: ormai è risaputo: nessun server batte quelli Linux: se volete usare il pinguino come server, allora siete davvero a cavallo.
    ancora una volta, affermazioni assolute e indimostrabili.


    - il fattore economico: che non è da sottovalutare soprattutto in ambito aziendale. Linux è gratuito.
    la famosa scandalosissima campagna "Get the facts" conteneva del vero (in effetti, si basava sulla mistificazione): la scelta di un sistema operativo comporta due tipi di costi, i costi di acquisizione e quelli di mantenimento. Linux ha un costo di acquisizione nullo, ma quelli di mantenimento potrebbero rivelarsi facilmente maggiori. non è il sistema operativo che fa il successo di un'impresa con un'infrastruttura IT, ma chi lo amministra; il sistema operativo potrebbe tranquillamente essere Windows anziché Linux.


    Suite office (es. OpenOffice): 0€.
    c'è anche per Windows, e di sicuro non è oggettivamente migliore di Microsoft Office.


    Editing video (es. kino): 0€. Player Audio, Firewall, Antivirus, Fotoritocco, .... : 0€ .
    tutte cose non correlate al sistema operativo, che comunque esistono in buona parte anche in versione Windows.


    Gli unici eventuali soldi che spenderete saranno quelli per alcune distribuzioni che offrono a pagamento delle features aggiuntive.
    in Microsoft accade il contrario: una volta che hai comprato il sistema operativo ottieni una valanga di software gratuito.


    [...] il losco partizionamento. Questo tetro individuo, che in Windows non era neanche contemplato,
    uh? ma di quand'è questo post? 2005?? ti assicuro che l'installer di Windows XP lo contempla eccome...


    In una stessa partizione non possono stare due o più sistemi operativi,
    si se sono entrambi Windows.


    Se l'installazione arriverà alla fine senza che il computer inizi ad emettere un sospetto odore di carne bruciata, allora state allegri: avete installato il vostro sistema GNU/Linux !
    certo... ed è giunta l'ora di fargli vedere le periferiche :)


    Non credo ci sia altro da dire, se non questo: non smettete mai di smanettare: provate il vostro sistema Linux, usatelo, leggete documentazione
    *quale* documentazione? quello straccio di man? o qualche tutorial messo in croce scritto da chissà chi, trovato chissà dove in Internet tramite Google e contenente chissà quali errori?


    e tornate a smanettare sulla vostra shell...cosa c'è di più bello al mondo?
    una shell grafica: la trovo oggettivamente più comoda, veloce e produttiva.
    Ultima modifica di wintoys : 14-04-2008 alle ore 22.09.36

  9. #9
    Guest

    Predefinito

    Citazione:
    in quanto al suo interno sono già presenti compilatori/interpreti di tutti i maggiori linguaggi.
    se ci sono non sono quelli ufficiali (per esempio il JDK originale va scaricato dal sito della Sun) e quindi è sconsigliato usarli. fanno eccezione i compilatori C e C++, ma si avvisa che quelli della GNU Compiler Collection (GCC) sono famosi per essere piuttosto lenti.

    1. OpenJDK 6.0 ubuntu 8.04 lo scarica automaticamente. Se un software non è installato automaticamete è solo per questioni di licenza, viene lasciato scegliere all'utente se scaricare ed accettare la licenza o no.
    per quel che riguarda la velocità nei benchmark viene detto solo che un compilatore come l'intel C Compiler è solo marginalmente più veloce su un architettura particolare (pentium4) rispetto ad gcc che un compilatore in continuo miglioramento.


    Citazione:
    Navigare in internet da Linux vi eviterà un sacco di fastidi che invece Windows non vi risparmia, anzi forse ve li accentua.
    parliamone, di questi fastidi.

    Niente dialer, trojan-horse, activex, virus, etc...

    tazione:
    Gli unici eventuali soldi che spenderete saranno quelli per alcune distribuzioni che offrono a pagamento delle features aggiuntive.
    in Microsoft accade il contrario: una volta che hai comprato il sistema operativo ottieni una valanga di software gratuito.

    Solo programmini sviluppati da autori solitari che offrono poche features, quando si va alla ricerca di un programma completo si deve inevitabilmente sborsare del denaro...


    Citazione:
    In una stessa partizione non possono stare due o più sistemi operativi,
    si se sono entrambi Windows.

    Gelato.... Anche se sono entrambi linux.....


    Citazione:
    In una stessa partizione non possono stare due o più sistemi operativi,
    si se sono entrambi Windows.

    E lo smanettare di windows lo trovi forse nella guida in linea di windows? Inoltre non direi che le pagine man o info siano scarne... spiegano come funziona un programma del resto è lo stesso lavoro che si fa con i file chm di win... per la storia del "qualche tutorial" quando hai cercato l'ultima volta aiuto per usare un programma linux?


    Citazione:
    e tornate a smanettare sulla vostra shell...cosa c'è di più bello al mondo?
    una shell grafica: la trovo oggettivamente più comoda, veloce e produttiva.

    Produttiva no di certo.... sono stati fatti dei test... inoltre non tutti possiedono un computer con processore da 1,5 Gz e 256 MB di ram.... fammi girare decentemente vista o xp su questi...

  10. #10
    L'avatar di darkwolf
    darkwolf non è connesso Super Moderatore
    Data registrazione
    18-04-2007
    Residenza
    Reggiolo (RE)
    Messaggi
    6,552

    Predefinito

    hacker0000: È un post del 14-04-2008, 20.58.25
    Come da regolamento, non riesumiamo vecchi topic (sopratutto se lo scopo è quello di scatenare potenziali flame).
    Ultima modifica di darkwolf : 06-11-2009 alle ore 17.05.25
    » Salvatore Noschese - L'AltroWeb | Seguimi su: facebook | twitter | Google+
    # Che aspetti? Unisciti alla community! Tanti nuovi gruppi ti aspettano


Regole di scrittura

  • Non puoi creare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere ai messaggi
  • Non puoi inserire allegati.
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •